You are currently browsing the category archive for the ‘News’ category.

Fonte:Repubblica.it

A quanto pare la nota casa di Redmond s iappresta a lanciare sul mercato un nuovo prodotto della serie Messenger, l’utilizzatissimo client di IM. Microsoft intende infatti permettere agli utenti del servizio di guardare la TV attraverso il suo client. Follia? Beh senza dubbio una grande idea per mantenere una grossa fetta di mercato che da alcuni anni appartiene al colosso americano. Da un altro punto di vista non credo sia una bella cosa per l’utente comune che abboccherà all’offerta con entusiasmo ma che poco dopo si accorgerà di partecipare a un sistema che punta ad arricchire quei pochi e non a favorire la libertà dell’utilizzatore.

Messenger TV sarà un mezzo per rendere l’informazione più controllata dai colossi commerciali o per divertire l’utente?

Staremo a vedere

Annunci

Un omaggio a uno dei grandi dell’underground italiano. Questa scomparsa improvvisa e prematura mi ha spiazzato molto, è davvero triste.

Non ho mai conosciuto retrogod di persona ma solo di fama. Sicuramente un mito che vale la pena di ricordare.

Spero che la sua anima sia in un mondo migliore. Rgod sei in tutti noi!!!

Oggi, la notizia è arrivata anche nel web retrogod è morto due giorni fa, a causa di una rara malattia al midollo osseo.
Sulla rete era conosciuto come esperto informatico, di alto livello, forse il migliore in italia.
Ricordo ancora la prima volta che lessi qualcosa scritto dalla sua mano.
E ora non c’è più.
Non vedremo mai più la sua firma e le frasi del generale Sun Tzu che inseriva dappertutto.
Forse non dovrei esser io a parlare, ma chi l’ha conosciuto davvero nella vita reale,
ma non posso starmene zitto come se fossi impassibile di fronte agli eventi accaduti.

RetroGod io come di certo altri, abbiamo imparato tantissimo da te, ci mancherai davvero.

// The:Paradox 25/04/2008

Non possiamo modificare l’accaduto, però possiamo ricordare chi era RetroGod, una persona dalle grandi capacità informatiche, dai suoi Exploit ho appreso molto ed è una persona che si è sempre fatta gli affari suoi, senza rovinare il Web. È una persona da ammirare ed uno dei meglio ora nn c’è più… rGod, mi sarebbe piaciuto conoscerti e sentire in diretta una delle mitiche frasi che citi in giro… Addio.

// Dante90

I am not rgod. I’m a friend of his named Daniel. rgod died two days ago at that hospital in Catania. It was a surprise and a shock… to all of us who knew him. rgod was suffering of a rare bony marrow disease, leading to paralysis during his last days. It just took me a while to figure out how to have access to rgod’s website, searching the key on his laptop (with permission from those close to him) to post this… I don’t know what the future of this site will involve but I’d sure like to see these posts, and some of the others about rgod posted across the Internet, preserved on the web indefinitely. Just so that when folks google the name of rgod in years to come, they’ll be able to read it all.


http://rgod.altervista.org/

http://retrogod.altervista.org/

http://ansa.it/site/notizie/awnplus/internet/news/2008-04-23_123198045.html

2008-04-23 18:28

Berlusconi vede numero 1 Microsoft
Stanca, abbiamo chiesto al colosso Usa di investire in Italia

(ANSA) – ROMA, 23 APR – Silvio Berlusconi ha ricevuto a Palazzo
Grazioli il numero uno mondiale della Microsoft Steve Ballmer. Ballmer
era accompagnato dal presidente della Microsoft Italia Umberto
Paolucci. All’incontro ha partecipato anche l’ex ministro
dell’Innovazione Lucio Stanca, che ha riferito: ‘abbiamo chiesto di
investire in Italia, anche nel programma di digitalizzazione e nelle
piccole e medie imprese’.

Questa storia non mi piace nemmeno un po’ gente… Bah, mi piacerebbe sapere quanto si intasca il cavaliere per questo accordo dopo che avrà rifornito i pc di mezza Italia con un bel Windows Vista!

Una notizia che illustra la figura dell’hacker come un criminale onnipotente che può ucciderti dal pc di casa sua non è una novità purtroppo ma da un ente come ANSA non me lo sarei mai aspettato!

Sembra che l’articolo l’abbia scritto Paperino! Solo le prime righe fanno capire la qualità dell’articolo.

Ogni giorno un esperto di informatica si diverte a danneggiare i computer altrui o a dimostrarne la vulnerabilità, impossessandosi di informazioni private o manipolandole a piacimento. Li chiamano hacker e agiscono nel chiuso delle loro case, a volte a migliaia di km di distanza dai soggetti che prendono di mira. […]

Gli hacker più esperti riescono a penetrare nei computer altrui anche quando sono spenti, copiando o cancellando testi, immagini, dati d’ogni tipo.

Io sinceramente non ho parole…non ne posso più di fenomeni aranzulliani e articoli scritti da ignoranti.

Ho solo un consiglio per la gente che scrive questa roba: CAMBIATE LAVORO!

Link notizia: ANSA

Fonte: FSF.org

The proprietary software company Trend Micro has filed a patent infringement lawsuit against Barracuda Networks. They claim that Barracuda is violating their patent by distributing the free software antivirus program ClamAV.

We should avoid using any proprietary software, but companies that use software patents for aggression are the lowest of the low.

Lawsuits like this are a threat to the entire IT community, and to free software programmers in particular. There is little that can be done to stop patent trolls from exploiting the patent and legal system for financial gain, until we put a stop to the patenting of software altogether. But there is an immediate opportunity to punish and deter trolls like Trend Micro.

Let all of Trend Micro’s potential customers know that by doing business with Trend Micro, they are supporting this attack on all creators of software works, including the entire free software community, and that the strongest message they can send to Trend Micro is to publicly boycott all of their products and services.

In poche parole Trend Micro afferma che la Barracuda Networks violi alcuni suoi brevetti nel codice di  ClamAV (noto antivirus Open-Source). Questa affermazione mi sembra una presa in giro verso i programmatori open-suorce e verso l’intero mercato dell’IT.

Come invita a fare la FreeSoftwareFoundation, se siamo utilizzatori di software Trend Micro e siamo d’accordo con l’appello inviamo una mail di protesta alla società annunciando l’inizio del boicottaggio.

Per tutti gli altri consiglio di evitare di acquistare software di una società (qualsiasi) che ostacoli il mondo Open Source.

Da qualche giorno l’ormai noto sistema operativo virtuale *nix like di Thomas Bertani ha una nuova casa…SourceForge!
Il progetto ora dispone oltre a una pagina web anche di un CVS e di una pagina di download sul suddetto sito di software open.

Happy MobileUnix! 😉

http://mobileunixj2me.sourceforge.net/

Ieri girando per un supermercato ho trovato un dvd che mi ha incuriosito: Wikipedia: L’enciclopedia libera
Ma non era un enciclopedia consultabile solo on-line? No, Wikipedia è commercializzata da EXA in Italia su un comodo DVD per essere portata sempre con noi e essere consultata anche dove non è possibile collegarsi alla Grande Rete. E’ venduta al modico (quasi simbolico direi) prezzo di 10€. Di questo denaro 1€/copia va alla Wikimedia Foundation.

Ecco come l’open source può essere una fonte di guadagno, un modo per farci risparmiare e contribuire alla nostra cultura personale. Davvero una bella iniziativa anche se purtroppo l’interfaccia grafica per consultare il tutto è disponibile solo per Windows e MacOsX. Speriamo in un futuro porting per il Pinguino ^_^

Ne è passata di acqua sotto ai ponti dai tempi di Diderot e D’Alambert  xD

Pagina del progetto: Wikipedia

Andiamo un po’ OT con quest’articolo…pero mi sembra molto interessante. Forse c’è qualcuno che a questo paese ci tiene

«Volevo strappare le bandiere di Berlusconi, ho reagito quando sono stato
circondato»
L’aggressore del gazebo: non sono pentito

——————————

LIVORNO. «Io non sono andato lì per picchiare, ma solo per strappare le
bandiere. E sia chiaro, non sono affatto pentito di quello che ho fatto».
Riccardo Sammuri sa di aver rimediato una denuncia per l’aggressione al
gazebo del Popolo della libertà alla Rotonda di Ardenza, ma vuole precisare
quello che è successo. E fornire, in qualche modo, la sua versione dei
fatti. Cominciando da ciò che è avvenuto al mattino, quando si è fatto
vedere al gazebo della Lega nord, in piazza Damiano Chiesa: «Che ci sta a
fare la Lega in Toscana? Loro sono padani, che se ne vadano dalle loro
parti. Ho detto loro di togliere le bandiere, altrimenti le avrei tolte io.
E così ho fatto, rovesciando il tavolo. Mi hanno detto che non dovevo farlo,
per questione di democrazia. Bella roba, loro che parlano di democrazia e
sono razzisti e xenofobi. E anche ipocriti. Non vogliono gli immigrati, ma
sono quelli che fanno girare le loro imprese. Bossi grida a Roma ladrona, ma ci prende lo stipendio da chissà quanto tempo
».
Secondo episodio: l’aggressione al gazebo del Pdl. «L’ho fatto perché loro
sono la rovina dell’Italia – dice Sammuri – e perché quelle bandiere nella
nostra città non le voglio vedere. Questa è l’ultima roccaforte comunista e
io sono comunista dentro». Ecco il racconto del fatto, secondo Sammuri: «Ho
preso le bandiere e sono venuti verso di me in quattro o cinque. Almeno, a
differenza di quelli della Lega, hanno avuto la dignità di difendere i loro
simboli. Mi hanno circondato e da lì è nata la colluttazione. Potrei
denunciarli anch’io, ma non lo farò. Non sono un infame». Poi lui è andato
direttamente alla polizia. «Non è vero che mi hanno preso in via Ricasoli
col materiale in macchina, l’ho portato io in questura». Sammuri ha agito
perché dice di non volere i simboli di destra in città: «Chi prova a aprire
un gazebo comunista a Verona farebbe una brutta fine,
sarebbe trattato assai
peggio di come io ho trattato loro, ma di quello nessuno parla…». «Amadio
– conclude Sammuri – parla di democrazia violata e è l’erede di un partito
antisemita che mandava gli ebrei a morire nei campi di sterminio, Berlusconi
è entrato in politica solo per sfuggire ai suoi processi. E anche qui, a
Livorno, a parole tutti contro Berlusconi, ma poi tutti a guardare le reti
Mediaset».

FONTE: “Il Tirreno. Cronaca di Livorno del 3/3/08” segnalato da Luca Aprea

hax

LINK: http://hax.cosenzainrete.it/

HAX è una rivista pubblicata dall’Hacklab di Cosenza che parte da un idea underground ma è rivolta a un pubblico ben più vasto. Non solo agli smanettoni ma a un po’ tutto il popolo di internet per risvegliare la parte “hacker” ognuno di noi.
Il nome come molti altri progetti open source non può che utilizzare un acronimo ricorsivo: HAX significa HAX Are eXperience 🙂

Al momento sono presenti 4 numeri liberamente scaricabili dal sito. Gli argomenti affrontati per ogni numero variano dalla sicurezza, alle news dal web, ci sono poi delle rubriche come il personaggio del mese, un how-to, la descrizione di un programma, un gioco o una community.
Inoltre dal numero 3 è stata aggiunta una sezione “Racconti” che raccoglie narrazioni di fantascienza.
Leggi il seguito di questo post »

no drm

Qualche giorno fa mi è passato per le mani un lettore mp3 Samsung YP-K3 da 4Gb e ho tentato l’upgrade al firmware coreano per togliere le limitazioni di quello europeo. Con quest’ultimo eravamo costretti a trasferire dati con il protocollo proprietario MTP e a beccarci una bella infarciture di DRM oltre al minor numero di funzioni che quello coreano offre. (Per ulteriori info consultare l’how-to all’upgrade).
Leggi il seguito di questo post »