You are currently browsing the tag archive for the ‘Linux’ tag.

Fonte:Repubblica.it

A quanto pare la nota casa di Redmond s iappresta a lanciare sul mercato un nuovo prodotto della serie Messenger, l’utilizzatissimo client di IM. Microsoft intende infatti permettere agli utenti del servizio di guardare la TV attraverso il suo client. Follia? Beh senza dubbio una grande idea per mantenere una grossa fetta di mercato che da alcuni anni appartiene al colosso americano. Da un altro punto di vista non credo sia una bella cosa per l’utente comune che abboccherà all’offerta con entusiasmo ma che poco dopo si accorgerà di partecipare a un sistema che punta ad arricchire quei pochi e non a favorire la libertà dell’utilizzatore.

Messenger TV sarà un mezzo per rendere l’informazione più controllata dai colossi commerciali o per divertire l’utente?

Staremo a vedere

Annunci

Molti programmi non supportano la riduzione nella tray bar anche se questa molte volte è comodissima (vedi XMMS, Thunderbird/Icedove, shell,…). Per fortuna Linux è pieno di risorse e ci viene in aiuto con AllTray, un utilissimo programmino capace di ridurre nel “vassoio” qualsiasi applicazione 😀

Basta eseguirlo e clickare sulla finestra da ridurre oppure dare come parametro il nome del programma.
E’ compatibile con Gnome, KDE, XFCE, Fluxbox e WindowMaker. Xmms è supportato in particolare

Proprio qualche minuto fa i sono imbattuto in quest’ inutility che è senza dubbio una cosa spettacolare, fantastica…c’è solo un emoticon che puo descriver tutto ciò -> *_*

Cowsay e cowthink sono due utility(?) che, dato in input un testo restituiscono in output una mucca con il testo immesso in una nuvoletta dallo stile fumettoso.
Ci sono anche vari parametri per altrettanti effetti:

  • -b Borg mode
  • -g greedy mode
  • -p paranoia mode
  • -s stoned mode
  • -t tired mode
  • -w wired mode
  • -y youthful mode
  • -d dead mode

Questo tool(?) è totalmente customizzabile costruendo degli appositi file perl. Alcuni sono già inclusi
Lista temi
cowsay -l
cowsay -f tema

Ecco uno screen

p.s.: Per debian è pacchettizzata

p.p.s.: è scritto tutto in Perl 😀

La shell è il mio paradiso e credo di molti altri…pero spesso è monotona,sempre il solito bianco e nero e poco più…uffa!!

Vediamo come colorare un po’ il nostro ambiente!

  • Possiamo dare un po’ di colore al tutto modificando .bashrc dando le impostazioni desiderate alla variabile PS1&co.
    Per chi volesse provare può utilizzare questa guida
  • In alternativa possiamo utilizzare bashish: un porgramma che fornisce temi personalizzati per la shell davvero interessanti!!
    Ecco alcuni screenshot:

Homepage di Bashish: http://bashish.sourceforge.net/

In questo articolo analizzeremo piuttosto a fondo il noto tool wget.

<piccolo OT>

E’ molto utile sapere come funziona per evitare mezze figure di me**a come è successo a me:

Volevo scaricare le canzoni di http://miscstuff.altervista.org/l33t/songs.php e non conoscendo bene wget creo uno script perl che a sua volta legge la pagina in questione, parsa i link e crea una lista da passare a wget. Dopo su un forum ho scoperto che si poteva fare tutto con un parametro del suddetto tool…

</piccolo OT>

Bene…detto questo partiamo dall’help di wget: Leggi il seguito di questo post »

Il 16 e il 17 Maggio 2008 nella facoltà di economia si svolgerà a Trento una nuova edizione della CONFSL, la conferenza italiana sul software libero.

L’evento è il seguito dell’appuntamento dello scorso anno tenutosi a Cosenza, in cui si cercherà di proseguire il lavoro già svolto.

Tratto dal sito ufficiale:

L’appuntamento di Trento è il seguito della prima edizione della Conferenza, tenutasi nel maggio 2007 a Cosenza. Come nella prima edizione mettiamo al centro il coinvolgimento e l’incontro di chi in Italia è attivo nella ricerca sul Software Libero, nello sviluppo di Software Libero, nella promozione e nella diffusione del Software Libero. Sono di interesse tutte le possibili aree tematiche, dagli aspetti economici, giuridici e tecnici, a quelli etici, sociali e filosofici.

Perpartecipare si richiede una registrazione e un pagamento per sostenere i costi. Per info QUI

All’interno della CONFSL si svolge anche OpenSource 2008:

Fonte:Fabio Marzocca

In occasione della seconda edizione della Conferenza Nazionale Software Libero – CONFSL – Trentino Sviluppo organizza OpenSource 2008, un evento di brokeraggio sul software libero. L’evento prevede incontri bilaterali tra aziende, fornitori di tecnologie, ricercatori, associazioni ed enti pubblici, che cercano o offrono prodotti, servizi, tecnologie e competenze IT basati su modelli Open Source.

Open Source 2008 si svolgerà venerdì 16 Maggio 2008 dalle ore 14.00 alle 18.00 presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Trento.

Essendo un trentino non posso che pubblicizzare questo evento 😉

Da qualche giorno ho ricominciato a giocare a Wolfenstein Enemy Territory nella mia linux-box.

L’installazione è molto semplice e credo non servano spiegazioni (basta scaricare il file *.run, lanciarlo e seguire le istruzioni)

Ecco come risolvere i due problemi principali che ci troviamo davanti al primo utilizzo:
Leggi il seguito di questo post »

Sulla falsariga del mio ultimo post ecco qui tutti i “trucchi” per dare un tocco di personalizzazione a un utility utilizzatissima nel mondo Linux, in particolare dopo il boom di Ubuntu. Ovviamente stiamo parlando di sudo 🙂

Per modificare il file di configurazione di sudo, ovvero /etc/sudoers, dobbiamo usare un editor specifico: visudo.

Lanciamo il comando e subito ci troveremo davanti una schermata di vim. Non l’avete mai usato? Ripercorriamo i comandi fondamentali:
Leggi il seguito di questo post »

Conky è un simpatico monitor di sistema minimale personalizzabile in moltissimi modi.

Ecco uno screen del mio 😀

conky

Vediamo come editare il nostro file .conkyrc in modo da personalizzarlo al massimo.
Leggi il seguito di questo post »

FireGPG è un estensione per Firefox molto utile che permette di implementare il sistema di sicurezza GPG/PGP in Gmail e non solo.

Il primo passo è quello di installare l’estensione dal sito ufficiale e riavviare il browser.

Ora, se non l’abbiamo già fatto, creiamo le chiavi PGP necessarie con
gpg --gen-key
e seguiamo le istruzioni a video.

A questo punto FireGPG andrà automaticamente a prelevare la nostra firma e entrando in Gmail potremo accorgerci che sono stati creati nuovi tasti per firmare, crittare e inviare.
Inoltre se abbiamo la chiave pubblica dell’utente che ci ha scritto possiamo vedere subito a fondo messaggio se la mail è vera oppure no.

Credo sia un sistema facile e veloce per aumentare esponenzialmente la sicurezza della nostra posta senza dover ricorrere a sistemi complicati e non adatti a un utente medio.

Alla prossima 😉

Link utili: